Monsupello vini: 37

Brut Classese Millesimato
Prezzo
24
Nome

Brut Classese Millesimato

Tipologia Spumanti Vitigno 90% Pinot Nero 10% Chardonnay Provenienza Lombardia Annata 2011 Produttore
Brut
Prezzo
20
Nome

Brut

Tipologia Spumanti Vitigno 90% Pinot Nero 10% Chardonnay Provenienza Lombardia Produttore
Brut Cà del Tava
Prezzo
43
Nome

Brut Cà del Tava

Tipologia Spumanti Vitigno 60% Pinot Nero 40% Chardonnay Provenienza Lombardia Produttore
Brut Classese Millesimato
Prezzo
28
Nome

Brut Classese Millesimato

Tipologia Spumanti Vitigno 90% Pinot Nero 10% Chardonnay Provenienza Lombardia Annata 2009 Produttore
Brut Nature
Prezzo
23
Nome

Brut Nature

Tipologia Spumanti Vitigno 90% Pinot Nero 10% Chardonnay Provenienza Lombardia Produttore
Brut Rosè
Prezzo
22
Nome

Brut Rosè

Tipologia Spumanti Vitigno 90% Pinot Nero 10% Chardonnay Provenienza Lombardia Produttore
Bonarda Vivace Vaiolet
Prezzo
10
Nome

Bonarda Vivace Vaiolet

Tipologia Vini Rossi Vitigno Croatina Provenienza Lombardia Annata 2017 Produttore
Monsupello Vaiolet Bonarda dellOltrepò Pavese DOC 2017
Prezzo
10,9
Nome

Monsupello Vaiolet Bonarda dell'Oltrepò Pavese DOC 2017

Tipologia rossi Vitigno Croatina Provenienza Lombardia Annata 2017 Produttore

Monsupello: Storia, Oltrepò Pavese, Abbinamenti e Prezzi

L’azienda agricola Monsupello è stata fondata nel 1893 in località Cà del Tava dalla famiglia Boatti, proprietaria ancora oggi del marchio. Questa cantina si è fatta un nome nell’universo vinicolo italiano grazie in particolare ai suoi Spumanti Metodo Classico.

La sede dell’azienda sin dal 1914 si trova nel comune di Torricella Verzate, nell’Oltrepò Pavese.
Un' importante opera di rinnovamento della tenuta di famiglia è stata realizzata nel 1959 da Carlo Boatti, che si è dedicato a rimodernare la cantina, aggiungendo un nuovo impianto di vinificazione, e a ridisegnare la struttura varietale dei vitigni, con l’introduzione di nuove specie.
Nei 50 ettari di proprietà della cantina Monsupello vengono oggi coltivate sia varietà autoctone che internazionali, mantenendo sempre basse le rese, in modo da vendemmiare grappoli strutturati ed armonici, capaci di trasformarsi in vini complessi ed equilibrati.

Le uve attualmente coltivate comprendono Pinot Nero, Barbera, Sauvignon, Chardonnay e Moscato. Queste crescono su di un terreno calcareo, con un’ottima esposizione al sole e ad un’altitudine media di 160 metri sul livello del mare.
Queste caratteristiche, unite all’eccezionale microclima dell’Oltrepò Pavese, consentono di ottenere uve di ottima qualità. La produzione aziendale di vini supera le 250 mila bottiglie all’anno, di cui circa 60 mila di spumante, vero cavallo di battaglia di Monsupello.

Lo Spumante Monsupello Metodo Classico e la Bonarda

Tra le etichette di questa cantina, una delle più apprezzate dai critici specializzati è lo Spumante Nature. Si tratta di un metodo classico non dosato, composto da uve Pinot Nero (90%) e Chardonnay (10%) ed affinato sui lieviti per almeno 36 mesi. Una volta versato nel calice ci appare con un bel colore giallo paglierino carico, ed un perlage fine e persistente.
Il bouquet aromatico è ricco e complesso. Include fragranze di pane, mandorle e nocciole.
Il suo sapore estremamente secco lo rende molto amato dagli intenditori.
La splendida struttura e la finezza complessiva sono gli altri elementi che ce lo fanno apparire come uno spumante di primissima fascia. Il momento ideale per stappare una bottiglia di Nature Monsupello è l’aperitivo, magari per accostarlo ad una tartina di salmone o ad uno scampo crudo. Si esalta anche quando abbinato alle capesante gratinate ed ai risotti ai frutti di mare.

La collezione di spumanti Monsupello comprende anche il Brut Classico, da abbinare a fritture di pesce, il Brut Classese Millesimato, anch’esso da accostare a piatti a base di frutti di mare, ed il Brut Ca’ del Tava, che può accompagnare egregiamente tutto il pasto.

Monsupello produce anche un vino Bonarda fuori dal comune, il vivace Vaiolet. Per ottenere questo prodotto fresco e frizzante, il vino viene fatto rifermentare in autoclave per essere poi microfiltrato ed imbottigliato. Si consiglia di servirlo ad una temperatura di 14° C in compagnia di un classico tagliere di salumi e formaggi o di un secondo a base di carne arrosto.

Il prezzo del Bonarda Vaiolet parte dai 7 euro a bottiglia per l’annata 2015. È un vino giovane che si fa apprezzare subito. Per una celebrazione importante la scelta può essere fatta ricadere su di uno Spumante Brut Cà del Tava a 37 euro o un Classese Millesimato a 26 euro.
Se per Natale state cercando un regalo con cui stupire un vostro amico intenditore, puntate sul Brut Nature a 23 euro. Lo lascerete sicuramente a bocca aperta.