Chardonnay vini: 2321

Chardonnay Schwarzhaus
Prezzo
24
Nome

Chardonnay Schwarzhaus

Tipologia Vini Bianchi Vitigno Chardonnay Provenienza Trentino Alto Adige Annata 2013 Produttore
Collio Chardonnay
Prezzo
29
Nome

Collio Chardonnay

Tipologia Vini Bianchi Vitigno Chardonnay Provenienza Friuli Venezia Giulia Annata 2014 Produttore
Collio Chardonnay
Prezzo
28
Nome

Collio Chardonnay

Tipologia Vini Bianchi Vitigno Chardonnay Provenienza Friuli Venezia Giulia Annata 2015 Produttore
Chardonnay Schwarzhaus
Prezzo
18
Nome

Chardonnay Schwarzhaus

Tipologia Vini Bianchi Vitigno Chardonnay Provenienza Trentino Alto Adige Annata 2016 Produttore
Chardonnay 2017
Prezzo
5,6
Nome

Chardonnay 2017

Tipologia Bianchi Vitigno Chardonnay Provenienza Abruzzo Annata 2017 Produttore
Chardonnay 2017
Prezzo
7,7
Nome

Chardonnay 2017

Tipologia Bianchi Vitigno Chardonnay Provenienza Friuli Annata 2017 Produttore
Chardonnay Robi & Robi
Prezzo
13
Nome

Chardonnay Robi & Robi

Tipologia Vini Bianchi Vitigno Chardonnay Provenienza Piemonte Annata 2013 Produttore
Collio Chardonnay Selezione
Prezzo
50
Nome

Collio Chardonnay Selezione

Tipologia Vini Bianchi Vitigno Chardonnay Provenienza Friuli Venezia Giulia Annata 2013 Produttore

Chardonnay: Storia, Abbinamenti e Prezzi

Lo Chardonnay è un vitigno a bacca bianca estremamente adattabile che viene coltivato in tutto il mondo, tanto da essere considerato la varietà più importante e conosciuta.
Da quest’uva vengono prodotti ottimi vini fermi e spumanti. Viene impiegata in particolare per la creazione di vini leggendari come lo Champagne e gli spumanti Franciacorta.

Si ritiene che l’uva Chardonnay sia originaria della Persia, anche se per tutti la sua vera patria è la regione francese della Borgogna, dalla quale è partita per diffondersi in ogni angolo del mondo. È presente in California, Sudafrica, Australia, Nuova Zelanda, Israele e Cile, dando sempre risultati eccellenti.

In Italia il vitigno Chardonnay viene coltivato in tutto il territorio ed in particolare in Sicilia, Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta, Veneto e Trentino-Alto Adige. La prima regione ad ottenere una DOC relativa allo Chardonnay è stata proprio l’Alto Adige con l’istituzione della DOC Chardonnay Alto Adige nel 1984.

È un’uva considerata facile da coltivare, molto produttiva e dalla vendemmia precoce, che solitamente avviene ad inizio settembre. Una delle qualità del vitigno è la capacità di dare uve eccellenti anche quando allevato per ottenere rese alte, mentre quando si privilegiano le rese basse si ottengono vini semplicemente eccezionali.

A seconda delle caratteristiche del terreno e del clima in cui viene coltivato nelle uve emergono differenti componenti aromatiche che si vanno poi a riversare nel calice.
Ciò che molto spesso rimane costante è l’alta qualità del vino Chardonnay.
Lo Chardonnay è infatti un vino molto di moda anche perché garantisce sempre ottimi risultati ovunque venga prodotto. Non è dunque frequente trovare uno Chardonnay che deluda.

Il Vino più diffuso al Mondo

Le caratteristiche dei vini Chardonnay possono variare in maniera considerevole a seconda della zona di produzione e della scelta stilistica del vignaiolo. Normalmente il vino Chardonnay è fresco e profumato, strutturato e sapido, con intensi sentori minerali.
A seconda del risultato ricercato i viticoltori possono decidere di anticipare la vendemmia, per esaltare l’acidità delle uve e dedicarsi alla produzione di vini spumanti, o lasciarlo affinare in barrique di rovere per far emergere le note mature e caramellate.
È questo il caso dei vini Chardonnay di Borgogna, alcuni dei migliori al mondo.

Lo Chardonnay è uno dei componenti base della magica ricetta dello Champagne, assieme alle uve Pinot Meunier e Pinot Noir. Lo Champagne prende inoltre il nome di Blanc de Blancs quando viene prodotto utilizzando esclusivamente uve Chardonnay.

Per la sua componente acida il vino Chardonnay va servito a 10-12° C, generalmente in abbinamento a piatti a base di pesce, frutti di mare e crostacei. Accompagna egregiamente anche il pesce crudo. Creare un contrasto tra l’acidità dello Chardonnay e la sapidità di salumi e formaggi stagionati è un’altra ottima idea per deliziare il palato con un abbinamento intrigante.
Gli Chardonnay più giovani, freschi e fruttati sono eccellenti per l’aperitivo e per accompagnare primi piatti leggeri a base di verdure e secondi di carni bianche.
I vini Chardonnay affinati in legno e predisposti all’invecchiamento possono accoppiarsi bene con piatti dal sapore più deciso come ad esempio salmone affumicato e pappardelle ai funghi porcini.

Fare una lista dei migliori vini Chardonnay al mondo sarebbe un’operazione lunghissima e piuttosto complicata. Noi proviamo a menzionarne qualcuno che vale la pena tenere d’occhio anche per il rapporto qualità/prezzo. Il Collio Chardonnay di Bosco del Tiglio a 28-30 euro, lo Chardonnay La Fuga di Donnafugata a 11 euro e lo Chardonnay Schwarzhaus di Stroblhof a 18 euro sono alcuni consigli per gli acquisti e possono offrire una panoramica completa su come lo Chardonnay viene prodotto in Italia.

Dalla Valle d’Aosta proviene lo Chardonnay Cuvée Bois di Les Crêtes, disponibile online ad un prezzo che si aggira sui 30-33 euro. Sconfinando invece in Francia troviamo lo Chardonnay Montrachet Ramonet. Costa 93 euro a bottiglia, ma la soddisfazione di poter assaggiare un vino del genere ripagherà pienamente il suo prezzo.