Cannonau vini: 162

Suentu Cannonau di Sardegna DOC 2016
Prezzo
11,9
Nome

Su'entu Cannonau di Sardegna DOC 2016

Tipologia rossi Vitigno Cannonau Provenienza Sardegna Annata 2016 Produttore
Piero Mancini Falcale Cannonau di Sardegna DOC 2016
Prezzo
8,9
Nome

Piero Mancini Falcale Cannonau di Sardegna DOC 2016

Tipologia rossi Vitigno Cannonau Provenienza Sardegna Annata 2016 Produttore
Siddùra Fòla Cannonau di Sardegna DOC 2015
Prezzo
22
Nome

Siddùra Fòla Cannonau di Sardegna DOC 2015

Tipologia rossi Vitigno Cannonau Provenienza Sardegna Annata 2015 Produttore
Giuseppe Sedilesu Mamuthone Cannonau di Sardegna DOC 2015
Prezzo
13,9
Nome

Giuseppe Sedilesu Mamuthone Cannonau di Sardegna DOC 2015

Tipologia rossi Vitigno Cannonau Provenienza Sardegna Annata 2015 Produttore
Cantina di Santadi Noras Cannonau di Sardegna DOC 2015
Prezzo
10,5
Nome

Cantina di Santadi Noras Cannonau di Sardegna DOC 2015

Tipologia rossi Vitigno Cannonau Provenienza Sardegna Annata 2015 Produttore
Quartomoro di Sardegna Òrriu Cannonau di Sardegna DOC 2017
Prezzo
10,9
Nome

Quartomoro di Sardegna Òrriu Cannonau di Sardegna DOC 2017

Tipologia rossi Vitigno Cannonau Provenienza Sardegna Annata 2017 Produttore
Argiolas Senes Cannonau di Sardegna Riserva DOC 2014
Prezzo
22,9
Nome

Argiolas Senes Cannonau di Sardegna Riserva DOC 2014

Tipologia rossi Vitigno Cannonau Provenienza Sardegna Annata 2014 Produttore
Giuseppe Sedilesu Ballu Tundu Cannonau di Sardegna Riserva DOC 2010
Prezzo
24,9
Nome

Giuseppe Sedilesu Ballu Tundu Cannonau di Sardegna Riserva DOC 2010

Tipologia rossi Vitigno Cannonau Provenienza Sardegna Annata 2010 Produttore

Cannonau: Storia, Abbinamenti e Prezzi

Il Cannonau è un vitigno a bacca rossa autoctono della Sardegna. È una delle uve più importanti dell’isola e viene vinificata in purezza per produrre un vino noto in tutto il mondo per la sua spiccata aromaticità, simbolo dell’enologia sarda e alla base dei vini sardi più famosi.

Inizialmente considerato come appartenente alla famiglia dei vitigni Grenache francesi o Grenacha spagnola per le affinità morfologiche, recenti studi hanno dimostrato che l’uva Cannonau è presente in Sardegna da oltre 3200 anni. In particolare nei pressi di Duos Nuraghe, in provincia di Nuoro, sono stati rinvenuti vinaccioli carbonizzati di quest’uva, che dimostrano come la vite fosse coltivata sin dai tempi delle popolazioni nuragiche.
Ciò rende il vitigno Cannonau il più antico di tutto il Mediterraneo, importato in Sardegna dai Fenici durante la colonizzazione dell’isola. È inoltre l’uva più coltivata della regione, arrivando a coprire circa il 30% del territorio vitato sardo.

La coltivazione di questo vitigno è diffusa in tutta l'isola, ma si concentra in particolare nell'entroterra, lontano dalla costa. Il clima della Sardegna, marcato da sole e vento, tende ad arricchire le uve di sapidità, portata dalla brezza del mare, ed allo stesso tempo di una notevole concentrazione zuccherina, raggiunta durante l’epoca della piena maturazione.

Il vino ottenuto viene celebrato per la sua potenza, bontà ed aromaticità sin dai tempi di D’Annunzio ed è unanimemente riconosciuto come il miglior vino sardo.
Nel 1992 è stata istituita la DOC Cannonau, che comprende tre sotto denominazioni: Capo Ferrato, Jerzu e Nepente di Oliena.

Il vino sardo Cannonau può essere prodotto in differenti tipologie che si distinguono per gradazione ed intensità: Rosato, Rosso, Riserva, Liquoroso Secco e Liquoroso Dolce.
Il Cannonau Rosato è il più semplice ed immediato. Il vino Cannonau Rosso viene prodotto in purezza o con almeno il 90% di uve dell’omonimo vitigno. Il Cannonau Riserva è un vino che dev’essere invecchiato per almeno due anni, con 6 mesi trascorsi in botti di castagno o rovere. Il Cannonau Liquoroso viene elaborato con la aggiunta di alcol o mosto al vino, in modo da aumentarne la concentrazione alcolica.

Il Vino Rosso Sardo per eccellenza

Il vino Cannonau presenta un colore rubino che assume sfumature granato a seconda del grado d’invecchiamento. È un vino vigoroso e strutturato, tanto che viene considerato di non facile approccio, anche per la sua potenza alcolica. I suoi tannini sono molto marcati, così come lo sono le note aromatiche speziate e fruttate di sottobosco, prugna e ciliegia.
Il sapore è caldo, morbido e pieno e conduce ad un piacevole retrogusto amarognolo. È un vino che si presta bene ad essere invecchiato e con il passare del tempo la sua propensione aromatica e balsamica viene accentuata.

I vini Cannonau vanno serviti ad una temperatura compresa tra i 16° e 18° C, per meglio apprezzarne i ricchi profumi ed aromi. L’abbinamento consigliato è quello con il maialino sardo e con gli altri piatti tipici della cucina regionale. Accompagna ottimamente anche la selvaggina e le carni rosse in genere, oltre a formaggi e lasagne.
La versione Liquorosa Dolce è consigliata per il momento del dessert, in quanto si combina particolarmente bene con la pasticceria secca e le crostate di frutta.

Il Cannonau è uno dei grandi vini rossi italiani, con una fama pari a quella di Montepulciano d’Abruzzo, Chianti e Nero d’Avola. Tra i migliori Cannonau di Sardegna troviamo il Zojosu di Masone Mannu in vendita al prezzo medio di 14 euro a bottiglia.
Altri vini dall’ottimo rapporto qualità/prezzo sono il Cannonau di Sardegna DOC Costera di Angiolas a 11 euro, il Cannonau Noras di Santadi a 13 euro ed il Cannonau di Sardegna DOC Filieri della Cantina Sociale Dorgali a solo 7 euro.