Rossese di dolceacqua vini: 33

Rossese Di Dolceacqua 2016 -  Testalonga
Prezzo
25
Nome

Rossese Di Dolceacqua 2016 - Testalonga

Vitigno Rossese Provenienza Liguria Annata 2016 Produttore
Rossese Di Dolceacqua Tenuta Anfosso Fulavin 2014
Prezzo
15,2
Nome

Rossese Di Dolceacqua Tenuta Anfosso ''Fulavin'' 2014

Tipologia Rossi Provenienza LIGURIA Annata 2014 Produttore
Rossese Di Dolceacqua Tenuta Anfosso Luvaira 2014
Prezzo
15,2
Nome

Rossese Di Dolceacqua Tenuta Anfosso ''Luvaira'' 2014

Tipologia Rossi Provenienza LIGURIA Annata 2014 Produttore
Rossese Di Dolceacqua Bricco Arcagna Terre Bianche 2015
Prezzo
36
Nome

Rossese Di Dolceacqua Bricco Arcagna Terre Bianche 2015

Tipologia Vino Rosso Vitigno Rossese Provenienza Liguria Annata 2015 Produttore
Rossese di Dolceacqua Terrabianca Terre Bianche 2014
Prezzo
23
Nome

Rossese di Dolceacqua Terrabianca Terre Bianche 2014

Tipologia Vino Rosso Vitigno Rossese Provenienza Liguria Annata 2014 Produttore
Rossese di Dolceacqua Terre Bianche 2016
Prezzo
18
Nome

Rossese di Dolceacqua Terre Bianche 2016

Tipologia Vino Rosso Vitigno Rossese Provenienza Liguria Annata 2016 Produttore
Rossese Di Dolceacqua Testalonga Antonio Perrino 2015 Magnum
Prezzo
59
Nome

Rossese Di Dolceacqua Testalonga Antonio Perrino 2015 Magnum

Tipologia Vino Rosso Vitigno Rossese Provenienza Liguria Annata 2015 Produttore
Rossese Di Dolceacqua Testalonga Antonio Perrino 2016
Prezzo
24
Nome

Rossese Di Dolceacqua Testalonga Antonio Perrino 2016

Tipologia Vino Rosso Vitigno Rossese Provenienza Liguria Annata 2016 Produttore

Rossese di Dolceacqua: Storia, Abbinamenti e Prezzi

Il Rossese di Dolceacqua è un vino rosso ligure dal sapore morbido e amarognolo, che viene prodotto a partire dal vitigno Rossese. Si tratta di una piccola eccellenza locale che nel corso degli anni ha saputo conquistare il titolo di vino rosso più famoso della Liguria.

Si ritiene che il vino Rossese di Dolceacqua abbia origini molto antiche, che vengono fatte risalire all’epoca del dominio greco sul bacino del Mediterraneo. Il Rossese nel corso della sua storia è sempre stato accostato a contesti raffinati e a personaggi celebri come Andrea Doria e Napoleone Bonaparte. Il vitigno Rossese da cui nasce questo gioiello viene coltivato in una zona circoscritta della Liguria, compresa tra la Val Nervia e la Valle Crosia, in una fascia collinare ad un’altitudine compresa tra i 300 ed i 600 metri sul livello del mare.

La presenza della vite in Liguria viene fatta risalire all'epoca etrusca, e oggi i produttori locali si dedicano in particolare alla coltivazione di alcuni particolari vitigni autoctoni che hanno saputo resistere al passare del tempo e delle stagioni, come il vitigno Rossese.
Il nome di quest’uva fa riferimento al colore delle bacche, che sono di un rosso piuttosto vivo.

L’uva Rossese viene allevata con l’antico sistema ad alberello, metodo particolarmente adatto al clima ed al territorio ligure. I pendii ripidi e difficili da coltivare e le scarse piogge che caratterizzano la costa ligure portano infatti le viti ad avere delle rese molto basse, ma in cambio le uve sono un concentrato di qualità e di aromi, che vanno poi a riversarsi nel calice.

A partire dal 1972 è stata istituita la DOC Rossese di Dolceacqua, che comprende 14 comuni situati in provincia di Imperia con un totale di circa 80 ettari vitati. Nonostante le dimensioni ridotte questa rappresenta una delle più importanti aree vitivinicole della Liguria ed il Rossese di Dolceacqua DOC viene considerato il fiore all'occhiello della produzione regionale.
Il disciplinare prevede che il vino debba essere prodotto con almeno il 95% di uve Rossese, a cui possono essere aggiunte altre uve a bacca rossa liguri.

Il Vino Rosso della Liguria che si adatta ad ogni pietanza

Il Rossese di Dolceacqua generalmente va bevuto giovane, ma in alcuni casi, quando vinificato in maniera appropriata, dimostra un’eccellente propensione all'invecchiamento, potendo evolversi in bottiglia anche fino a 10 anni.
Per ottenere la denominazione Rossese di Dolceacqua Superiore deve essere lasciato invecchiare per almeno un anno prima di essere messo in commercio ed è preferibile aspettare anche fino a quattro anni per poter degustare le etichette di Rossese più pregiate.

Al calice si presenta di colore rosso rubino intenso. Gli aromi rimandano a rosa, viola e frutti di bosco, mentre con il passare degli anni si arricchisce di note speziate ed aromatiche.
Il sapore è morbido con un caratteristico retrogusto amarognolo.

Il vino Rossese viene generalmente accostato ai piatti tipici della tradizione ligure in quanto contribuisce a valorizzarne il sapore, grazie alla sua sapidità ed agli accenti aromatici.
Gli accostamenti consigliati sono molti e tutti squisiti: può essere abbinato indifferentemente con pesce e carne e si sposa a meraviglia anche con uno sformato di verdure.
Altri abbinamenti classici sono il coniglio alla ligure, i tordi in casseruola, le carni bianche come faraona e fagiano e l’agnello al forno. Da provare anche in compagnia di salumi di media stagionatura e pesce azzurro. È dunque un eccellente vino da tavola, estremamente versatile e dalla beva facile.

Il Rossese di Dolceacqua Bricco Arcagna di Terre Bianche è una delle etichette più pregiate e rinomate della denominazione. Il prezzo medio di questa bottiglia imperdibile si aggira sui 35-40 euro. Gli altri principali produttori della zona sono le cantine Anfosso, Testalonga e Antonio Perrino. Il prezzo del Rossese di Dolceacqua di queste aziende può variare dai 15 ai 25 euro.

Maccario Dringenberg propone vini Rossese con un’etichetta dal design moderno a prezzi abbordabili che partono dai 15,5 euro fino ad arrivare ai 28,5 euro del Rossese di Dolceacqua Superiore Posaù.